Te la do io la riforma fiscale!

Oil down

Le riforme fiscali sono uno strumento di governo così importante da non lasciare agli economi(ci)sti. In Italia ‘sti geni hanno inventato molti tipi di tasse, ma nessuno adeguato alla bisogna attuale: Irpef, Imu, IVA,Tari, IRAP, Ines, contributi previdenziali, ecc. L’ultimo governo italiano, quello dei “migliori”, come anche i precedenti, conosce benissimo il…

continua a leggere

Sviluppo sostenibile: se non lo misuriamo allora sono chiacchiere

CF

Un limite della lotta al cambiamento climatico è che troppi chiacchierano, bla-bla-bla, e pochi la praticano davvero. La carbon-footprint (CF, impronta di carbonio) è l’indice di una singola, seppure cruciale, categoria di pressione ambientale (anche se c’è chi erroneamente parla di “indice di impatto ambientale”). Il calcolo della CF è…

continua a leggere

Te lo do io il libero mercato! In UE vogliamo i dazi sul carbonio.

Emissioni

I ministri delle finanze dell’UE la scorsa settimana hanno raggiunto un accordo sulla proposta di una “carbon tax” alle frontiere dell’Unione, per contrastare le delocalizzazioni industriali più energivore, come le centrali termoelettriche, le acciaierie o i cementifici. Questa nuova forma di tassazione, soprannominata Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM, Meccanismo di…

continua a leggere

Il caro-bollette colpisce soprattutto i poveri. Si rischiano disuguaglianze e tensioni sociali

Condominio povero

Con il caro-bollette l’Osservatorio Povertà Energetica stima un raddoppio delle famiglie italiane in condizioni di povertà energetica: entro l’anno potrebbero diventare una su cinque! La povertà energetica colpisce quelle persone che non possono disporre dell’energia necessaria per usare i beni ed i servizi essenziali, come il riscaldamento, l’illuminazione o il…

continua a leggere

Il Ministero della Transizione Ecologica contestato da giovani che non sopportano più green-washing e bla-bla-bla

Extintion Rebellion

Presso il Ministero della Transizione Ecologica proseguono quotidianamente dalla scorsa settimana le manifestazioni non-violente (o quasi-non-violente, se consideriamo l’imbrattamento di vernice colorata della scorsa settimana) messe in atto da alcuni giovani ecologisti contro la strategia “fossile” del Governo. Perseguire il raddoppio dell’estrazione dai giacimenti petroliferi italiani è dannoso, non solo…

continua a leggere